Sistemi per utenze isolate

I sistemi autonomi (stand-alone) vengono normalmente utilizzati per elettrificare le utenze difficilmente collegabili alla rete perché ubicate in aree poco accessibili, e per quelle con bassissimi consumi di energia che non rendono conveniente il costo dell’allacciamento. Tale tipo di sistema è caratterizzato dalla necessità  di coprire la totalità  della domanda energetica dell’utenza. Gli elementi che costituiscono un sistema fotovoltaico autonomo sono i moduli fotovoltaici, il sistema di accumulo (batterie) ed il regolatore di carica. Essendo la corrente generata dal sistema fotovoltaico una corrente continua, se il carico prevede l’utilizzo di apparecchiature che richiedono corrente alternata, diventa necessario l’inserimento anche un convertitore c.c./a.c. (inverter). Le batterie accumulano l’energia elettrica prodotta dai moduli FV e consentono di differire nel tempo l’erogazione di corrente al carico. In sostanza garantiscono l’erogazione di energia elettrica anche nelle ore di minore illuminazione o di buio. Il regolatore di carica è l’elemento che regola i passaggi di corrente tra moduli e batterie e tra batterie e carico. La sua funzione principale è quella di proteggere le batterie da fenomeni di carica e scarica profonda.

Questa voce è stata pubblicata in Il fotovoltaico e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.